LinkedIn, un social affidabile e con grandi potenzialità

Spread the love

Ricordate la Dolly Patron challenge?
Questa ‘’sfida’’ ,  lanciata dalla celebre musicista,  ha spopolato sui social nel mese di gennaio.

In pochi giorni è andata virale, arrivando a tantissime celebrità ma anche gente comune, che si sono cimentate nella prima grande ‘’social challenge’’ del 2020.

linkedin social affidabile

Ma perché parliamo di challenge e meme, quando il titolo suggerisce tutt’altra tematica?
No, tranquilli, non abbiamo sbagliato topic: lasciate che vi si spolveri la memoria.
Questa sfida consisteva nel presentare quattro immagini di sé stessi in un collage rifacendosi a quattro social network diversi:
– Tinder, con la foto più ‘’seducente’’,
-Instagram, con lo scatto più chic,
– Facebook, con quello più allegro
– Linkedin , con lo scatto più professionale e serio

Si evince già il ruolo giocato da quest’ultimo social!
Ma..

..Perché Linkedin è cosi rispettato?

Proprio come in questo trend virale, Linkedin rappresenta davvero uno dei social più professionali e seri. Nasce da Reid Hoffman,  persino prima di tanti altri social, come Facebook o YouTube, già nel 2002,
con un preciso obiettivo: mettere in contatto aziende e lavoratori.

Rappresenta, oggi, il social più attendibile per lo sviluppo di contatti e relazioni professionali, e una ricerca condotta dalla Business Insider, lo conferma: Linkedin è persino ritenuto il social network più affidabile al mondo.
Con tanta efficacia e potenziale, in un periodo in cui lavoro e network vanno a braccetto.. Vogliamo farci scappare l’occasione di una buona prima impressione?
Ecco dunque:

8 CONSIGLI PER SFOGGIARE UN PROFILO LINKEDIN VINCENTE

Aprire un profilo Linkedin è semplice e gratuito, ma esistono anche pacchetti Premium.

Attenzione però, creare un profilo di successo, non è incluso nel pacchetto. Anzi, un profilo base  ma fatto nel modo giusto e con contenuti validi, rappresenta un grande potenziale, non solo per chi è in cerca di opportunità lavorative, ma anche per le aziende che lavorano nel settore B2B.

Come si fa quindi a sfoggiare un profilo di successo, in questo social pieno di persone qualificate dove la concorrenza è molto alta?

Ecco alcuni consigli essenziali e vincenti per farsi notare e creare un network di conoscenze e possibilità:

  •  Inserisci una foto professionale, con uno sfondo bianco o chiaro, questo vi farà aumentare credibilità e visibilità, e mi raccomando non la foto della laurea con la corona d’alloro.
  • Importantissima la Headline, il breve titoletto posto sotto la foto, che dovrebbe esprimere e incorniciare al meglio la tua figura professionale. Sei un social media manager? Inseriscilo proprio in questo spazio.
  • Degne di nota sono le esperienze lavorative e di formazione. Fornisci le skills ottenute in ogni esperienza lavorativa e sottolinea in ‘’formazione’’ i principali campi di studio.
  • Che profilo di successo si può avere senza fornire i tuoi traguardi? Inseriscili!
    Sei un autore, un copywriter?
    pubblica i tuoi articoli di valore, per mostrare le tue passioni, competenze e abilità.
    Quale miglior modo per presentarsi a un possibile datore di lavoro?
    Arricchisci il tutto, aggiungendo  competenze linguistiche, certificazioni e corsi frequentati.
  • Esprimi tutta la tua creatività e passione nel Sommario: le esperienze, le skills, la tua determinazione.
    Non dimenticare di inserire anche gli interessi: nessuno vuole dei robot senza passioni.
    Sfrutta al meglio questo spazio, è il primo elemento che i recruiters guardano entrando nel profilo.
  • Inserisci almeno cinque skills al profilo, includendo sia competenze trasversali (es. negoziazione, problem solving ed etc..) che tecniche (es. HTML, Exel..).
  • Tieni sempre aggiornato il profilo Linkedin, aggiungendo volta per volta le nuove competenze, conoscenze acquisite.
    Nota bene, non solo quando torni sul mercato del lavoro: infatti creare contenuti in modo continuo su linkedin, può portarti una “community” variegata ed affermata che puo’ darti valore anche negli affari
  • Ricorda che Linkedin non è un Curriculum Vitae, quindi non aspettarti che le aziende ti contattino dal nulla:
    – cerca di ampliare costantemente la tua rete di contatti,
    – Tieni a mente che è pur sempre un social, quindi più commenti, condividi , interagisci ed esprimi la tua opinione meglio è! Certo, ricordandosi che è un contesto più professionale..
Leggi anche:  Accordo TikTok: perché è importante parlarne

Il social “in cravatta” però non è solo per singoli alla ricerca di lavoro, anzi è l’ideale per affermare un’azienda e il suo brand nel suo mercato, oltre che per scoprire nuovi possibili dipendenti.

LINKEDIN PER LE AZIENDE

Una pagina aziendale su Linkedin è come una vetrina; quella ideale deve includere:
– l’operato generale dell’attività,
–  la Mission,
– la Vision
Per rendere fin da subito chiari
al target, i valori, obiettivi e ideali che distinguono il brand dell’azienda dal resto.

Linkedin permette di attirare nuovi potenziali clienti, collaboratori e allo stesso tempo pubblicando contenuti professionali, migliorare il proprio Brand Awareness.

Rappresenta inoltre un ottimo strumento di pubblicità per le aziende che operano nel settore B2B: molte infatti, sono molte le collaborazioni nate da questo social.

Ma come si fa ad attirare nuove opportunità?

Ogni esperto social che si rispetti, lo sa già: non c’è strategia efficace, se non si ha‘’il piano editoriale’’. Ciò non esclude che devi  pubblicare contenuti che siano interessanti e di mantenersi attivi e costanti nelle interazioni.
Questi accorgimenti ti renderanno interessante ed affidabile, per chi si imbatte sul tuo profilo.

Se siete arrivati fino a qui vuol dire che ci tenete al vostro $ucce$$o, e anche noi!
Mi raccomando rimanete curiosi,per i prossimi articoli.

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *