L’evoluzione della Disney: i processi sociali nell’animazione creativa

L’evoluzione della Disney: i processi sociali nell’animazione creativa

Febbraio 16, 2021 0 Di Alesia Stojku
Spread the love
Reading time: 4 minuti

Disney regala emozioni attraverso film e lungometraggi d’animazione dal lontano 1937. Ma da allora l’evoluzione della Disney è stata notevole. Infatti di anni dal suo debutto sui grandi schermi ne sono passati, e analogamente dinamiche: sia storiche che culturali hanno rivoluzionato inevitabilmente il modo di pensare e agire della società.

Proprio per questo, avrai sicuramente notato anche tu, come i personaggi dei cartoni animati targati Disney – le principesse, ma allo stesso tempo le vicende raccontate, e i valori – abbiano subito un’importante evoluzione.

 Fortunatamente in meglio oseremo dire, ma andiamo a vedere insieme come!

Disney e il rapporto con le persone: l’evoluzione della fantasia

La Walt Disney Pictures ha accompagnato l’infanzia di tutti noi, anzi continua a farlo, ed il clamoroso successo di Disney +, con i suoi 86 milioni di abbonati a un anno dal lancio, ne è la prova.

Ad occhio non riesci a comprendere bene quanto Disney+ si sia affermata nel mondo dello Streaming? Ecco, Netlix vanta attualmente 200 milioni di abbonati, collezionati però ricordiamoci dal 2016, quando iniziò ad offrire il suo servizio in oltre 190 paesi del mondo. I numeri parlano da soli, Disney+ ha avuto un riscontro più che positivo in un arco di tempo così ristretto.

L'evoluzione della disney fino a disney plus

Da Biancaneve ad Elsa: l’ evoluzione dei personaggi Disney

Difficilmente, la Disney oggigiorno proporrà una principessa come Biancaneve, intenta a badare esclusivamente alla faccende di casa e a 7 uomini pasticcioni, aspettando silenziosamente di essere salvata dal principe azzurro.

Infatti, le principesse Disney degli anni 30 e 50 sognavano un matrimonio sereno e un palazzo possente, e questo probabilmente era ciò che i genitori di allora ritenevano fosse giusto e meritevole per le proprie figlie: un’adeguata sistemazione coniugale. 

Indubbiamente, la Disney c’entrava il segno, creando storie ambientate in mondi fantastici, ma allo stesso tempo, molto coerenti con ciò che era la società di allora.  Di acqua sotto ai ponti ne è passata però:
partendo da principesse come Biancaneve, Aurora o Cenerentola, personaggi particolarmente passivi all’interno della narrazione,
a personaggi molto più indipendenti come la principessa eroina: Mulan, che salva la Cina o i due personaggi tanto amati del cartone animato Frozen: Elsa e Anna, tanto diverse caratterialmente, ma egualmente simbolo di donne emancipate, coraggiose e forti.

L’evoluzione della Disney in rosa e non “per il rosa”: Disney pro LGBTQ+ e femminismo

Da personaggi che ricercano il senso della propria vita nel principe azzurro, a donne che rivendicano i propri diritti, lottano per raggiungere obiettivi e dimostrano di non necessitare un uomo nella propria vita per essere felici. 

Leggi anche:  Tra inclusione e diversificazione: il marketing nel Medio Oriente e nel mercato Halal

Questo è stato uno dei cambiamenti repentini dello storytelling della Disney, un risultato importante, frutto soprattutto dei movimenti femministi che hanno migliorato la figura della donna nella società nel corso degli ultimi anni.

Ma non solo, sapevate che finalmente la Disney si sta mostrando sempre più accogliente nei confronti della comunità LGBT? Il primo passo è stato fatto con il cartone animato “Onward”, dove per la primissima volta un personaggio gay: officer Specter, è entrato a far parte dell’universo animato Disney.

L'evoluzione di Disney verso i pari diritti

Finalmente oseremmo dire, anche se i disdegni di numerose famiglie non sono mancati.. ma nulla di nuovo d’altronde.

Disney e l’evoluzione dello storytelling strategico

Ecco che, di tutti questi cambiamenti sociali e culturali, Disney ne ha fatto il suo asso nella manica, con la sua spiccata: capacità camaleontica”, in grado di adattarsi empaticamente al momento storico e alle esigenze delle persone, ha fatto leva sul lato emotivo dei propri clienti

Una strategia di marketing? Diciamo che ci ha visto lungo già dal lontano 1937, un esempio da seguire per quanto riguarda un efficace storytelling.

Conoscete la frase: racconta ciò che il cliente vorrebbe sentirsi dire”? Che dire Disney l’ha eseguito alla lettera fin dagli albori… E per questo non rimane solo che ammirarla!

l'evoluzione della Disney da Biancaneve a Merida, ai liveactions

La Disney ha cambiato la società o noi abbiamo cambiato lei?

Insomma i film della Disney sono cambiati, e probabilmente nel corso degli anni hanno modificato anche la nostra società, perché diciamocelo: tutti nel profondo siamo degli inguaribili romantici, chi più chi meno. 

Una conseguenza irrimediabile per aver guardato così tanti prodotti Disney? Molto probabile!

Ma nella stessa misura, possiamo affermare con fermezza che inevitabilmente la cultura odierna ha avuto un ruolo emblematico nella loro evoluzione, se non ci fossero state lotte per quanto riguarda la parità di diritti, o il movimento LGBT chissà quali contenuti produrrebbe ora.. Una cenerentola con smartphone? Ops, ce chi l’ha creata davvero.

E tu quali cartoni animati della Disney preferisci: i “tradizionali” o i “moderni”? Qual è il tuo preferito? Faccelo sapere nei commenti!