Il Mistero di Jack Ma, scomparso da mesi: Alibaba in pericolo?

Il Mistero di Jack Ma, scomparso da mesi: Alibaba in pericolo?

Febbraio 1, 2021 1 Di Alessia Foglia
Spread the love
Reading time: 4 minuti

Che fine ha fatto Jack Ma? È la domanda che molti si stanno ponendo in seguito alla scomparsa sulla scena pubblica del fondatore del colosso di e-commerce Alibaba. Da tre mesi infatti l’investitore cinese sembra essersi dileguato, assentandosi perfino dal ruolo di giudice nel suo reality show.

Jack Ma scomparso

Se ti piace fare shopping online a prezzi modici, nomi come Aliexpress, Taobao e Alipay ti saranno familiari! Ma solo un consumatore attento saprà che sono tutte compagnie appartenenti ad un unico grande gruppo: Alibaba. Fondata nel 1999, la multinazionale cinese si è fatta strada rientrando tra i giganti del web nel campo delle vendite e dei pagamenti online. Eppure, gli ultimi mesi del 2020 hanno messo a dura prova la società e soprattutto il suo fondatore Jack Ma, di cui dal mese di novembre si sono perse le tracce.

Tiktok e l’ascesa social: tra attivismo e censura(Si apre in una nuova scheda del browser)

La scomparsa di Jack Ma: il mistero di Alibaba

Un’uscita di scena casuale? Così non sembra. La scomparsa di Ma coincidere infatti con le accuse verso il governo cinese, e con l’epic fail di quella che avrebbe dovuto essere un’operazione finanziaria unica nel suo genere.

Jack Ma scomparso mette in pericolo Alibaba

Gli eventi e teorie dietro la scomparsa di Jack Ma

Durante una conferenza a Shanghai, l’investitore si è fatto prendere da un discorso piuttosto duro contro il sistema normativo e bancario del Paese. Le sue parole trattano l’assenza di un sistema finanziario capace di supervisionare l’innovazione tecnologica cinese e la “mentalità da banco dei pegni”;
Jack Ma ha poi confrontato l’antiquato sistema cinese con la sua azienda Ant Group, che offre servizi finanziari, da lui stesso creata ed affiliata ad Alibaba. Una strategia di lancio non causale visto che poco dopo avrebbe dovuto essere doppiamente quotata alla borsa di Shangai e di Hong Kong, per il valore di 35 miliardi di dollari

Leggi anche:  Disney e l’intramontabile magia del Natale

Tuttavia, queste critiche al partito comunista, hanno oggi alzato diversi sospetti che potrebbero rendere la vicenda un “movente” per lo Stato d’oriente che non tarda a reagire.
Le ripercussioni, infatti, non tardano ad arrivare e, il 5 novembre, l’intera operazione economica è stata interrotta mandando in fumo un’iniziativa senza precedenti.

Le ragioni dell’annullamento? Un cambio improvviso nella regolamentazione del settore che avrebbe reso necessario rimandare la quotazione. Come se non bastasse, i controlli dell’antitrust cinesi si sono estesi al colosso Alibaba, che è stato oggetto di un’inchiesta per presunte pratiche monopolistiche. L’azienda avrebbe infatti obbligato i venditori a firmare con essa contratti esclusivi affinché gli stessi beni non fossero offerti da altre piattaforme.

Alibaba in pericolo? Come risponde l’azienda alla scomparsa di Jack Ma.

Fortunatamente, per i consumatori più affezionati alla piattaforma, l’e-commerce non sembra aver risentito di questa vicenda, e per ora continua a funzionare regolarmente. Nel frattempo, però, il nome di Jack Ma è scomparso dal suo reality show Africa’s Business Heroes e dal sito stesso di Alibaba, dove è stato sostituito da un altro dirigente.  

Jack Ma scomparso lascia Alibaba

Non c’è nulla da fare, il 2020 non ha risparmiato nemmeno uno degli uomini più ricchi del mondo.
E così, con l’ultimo tweet risalente a fine ottobre, di Jack Ma non si hanno più notizie. Fortunatamente il peggio è stato scongiurato: fonti ufficiali ne smentiscono il decesso.

Che sia un tentativo del governo cinese di tenere a bada un uomo d’affari che stava oltrepassando il limite? O un modo per l’imprenditore di evitare una bufera mediatica?
Certo è che un nome e un volto così conosciuto non potrà nascondersi per sempre: non ci resta che aspettare, o forse sperare, il suo ritorno