La Barbie della Cinica: da modello irrealistico a simbolo di empowerment femminile

La Barbie della Cinica: da modello irrealistico a simbolo di empowerment femminile

Marzo 11, 2021 0 Di Alessia Capocasale
Spread the love
Reading time: 3 minuti

Barbie celebra, nella giornata delle donne, l’intraprendenza di Cristina Fogazzi, in arte l’estetista Cinica. La missione? Dimostrare che si può essere chiunque desideriamo essere e valorizzare l’empowerment femminile.

Una Role Model di Barbie con il volto di una imprenditrice italiana del settore beauty, seguita da 789 mila persone su Instagram.
Il messaggio veicolato dalla barbie con il volto di Cristina Fogliazzi, in arte estetista cinica, è chiaro: sei perfetta come sei, sei una ‘barbie’ unica che non ha bisogno di costringersi in canoni di bellezza precostruiti che non rispettano la varietà e l’unicità.

La Barbie della Cinica come modello ispirazionale concreto

Barbie si evolve e, in occasione del suo 62esimo compleanno, abbraccia canoni di bellezza moderni, che risiedono nell’intraprendenza, nell’intelligenza e nelle potenzialità di ogni donna.

Lo sdoganamento dei canoni di Barbie: come nasce la Barbie della Cinica?

La Barbie passa da modello a cui ispirarsi a modello ispirazionale, su casi reali. E’ un cambiamento profondo che comunica la scelta dell’azienda di rivalutare quello che deve essere il canone di riferimento delle nuove generazioni. Un nuovo modello, reale, concreto, che Barbie comunica alle nuove generazione con le 60 Role Model femminili.

Le bambole, realizzate negli ultimi anni da Barbie, sembrano schierarsi dalla parte dell’autenticità e della trasparenza. Questa strategia si incentra su una forte componente di body positivity e su solidi riferimenti valoriali.

La barbie della Cinica come role model dell'imprenditoria femminile italiana

Non a caso le altre figure scelte dall’azienda a cui ispirare le proprie OOAK (One Of A Kind) sono donne che rompono i canoni di bellezza tradizionali e trasformano il concetto di bellezza stesso in qualcosa di astratto e sfaccettato, dove la bellezza appartiene ad un mondo fatto di valori e spirito.

  • Sky Brown, skateboarder professionista;
  • Manasi Joshi, para-badminton world champion;
  • Dame Adams, shotputter;
Leggi anche:  Viva la Vulva. L’ultima campagna Nuvenia che divide i social

Queste sono solo alcune delle donne a cui una Barbie si è inspirata per trasmettere questo messaggio rivoluzionario. Un nuovo modello dell’iconica bambola della Mattel che incoraggia le bambine a vedere oltre gli ostacoli che le separano dalla realizzazione dei propri sogni.

La barbie della Cinica: l’imprenditoria femminile diventa modello ispirazionale

L’azienda ha capito che, oggi, il mondo femminile non può essere semplificato ad un unico modello: ne esistono diversi, più concreti, sfaccettati e indipendenti ai quali ispirarsi.

Barbie infatti ha deciso di impegnarsi concretamente in azioni per annullare il Dream Gap: quel momento di vita in cui le giovani donne ridimensionano i propri sogni e si mettono in discussione. Per questo Barbie non si limita alla creazione di nuove bambole ispirate a donne forti e di successo, ma crea anche iniziative di condivisone di storie di successo.

La Barbie della Cinica come modello ispirazionale

Cristina Fogazzi insieme alla sua Barbie Cinica e l’azienda stessa, racconterà la propria esperienza alle scuole elementari italiane in una serie di incontri organizzati. L’obiettivo? Ispirare, far sognare e dare speranza, in un momento in cui i bambini vivono una realtà che lascia poco spazio ai sogni.

Basterà una Barbie ad ispirare le nuove generazioni di donne?

Conte e i Ferragnez: il ritorno al modello a due stadi.(Si apre in una nuova scheda del browser)